Piume e denti giganti: l’impero dei dinosauri

Pterodactylus with fish in beak

Steve Brusatte dice di essere «molto fortunato». Ecco perché: «Ho uno dei lavori migliori al mondo. Sono un paleontologo e scavo ossa di dinosauro… È stupefacente che mi paghino per questo». Lo pagano anche per insegnare Paleontologia dei vertebrati all’Università di Edimburgo e per le consulenze a Bbc e a 20th Century Fox.

E non è da solo: «Oggi ci sono molte persone come me, in tutto il mondo, che studiano i dinosauri. Anche in Italia. Negli ultimi vent’anni il nostro campo è cambiato molto». È anche per spiegare questi cambiamenti e le scoperte che hanno portato che Brusatte ha scritto Ascesa e caduta dei dinosauri (Utet, pagg. 366, euro 24): un saggio irresistibile quanto i suoi protagonisti, che lo scienziato americano presenterà in Italia la settimana prossima (in varie tappe: il 26 novembre al Muse di Trento; il 27 all’Orto Botanico di Padova; il 29 all’Università di Bologna e il 30 novembre all’Università di Roma Tre).

Steve Brusatte, chi sono i cacciatori di dinosauri oggi?
«Siamo tutti persone normali, è solo che amiamo l’avventura. È il nostro lavoro: scoprire nuovi posti per cercare ossa di dinosauro, poi andare a esplorare e trovarle… È divertente, ma a volte pericoloso».

Come ha deciso di fare il paleontologo?
«Non amavo tantissimo i dinosauri da piccolo, ma il mio fratellino Chris sì. Così, grazie a lui, ho iniziato a interessarmi a mia volta e, all’età di 14 anni, ne ero ossessionato anch’io».

Il suo maestro?
«Ne ho avuti molti. Il mio più grande mentore è stato il mio maestro delle superiori, Joe Jakupcak. Sono cresciuto in mezzo al nulla, nel cuore dell’Illinois. Insegnanti come Jakupcak mi hanno ispirato a vedere la meraviglia nel mondo. E mi ha anche portato con sé nel mio primo viaggio a caccia di fossili».

Quali sono i Paesi più importanti dove trovarli, oggi?
«Prima si trovavano fossili solo in pochi luoghi, il Nord America occidentale e l’Europa centrale e occidentale. Ma oggi la paleontologia è diventata una scienza globale. Ossa di dinosauro sono state trovate in ogni continente, perfino in Antartide. Ci sono grandi scoperte in Cina, in Brasile, in Argentina; e anche in Italia, o in Scozia, dove vivo e insegno».

LEGGI ARTICOLO INTERO

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*