Resti di 4 dinosauri trovati nel Montana, c’è anche un triceratopo – Notizie scientifiche.it

I resti fossili di ben quattro dinosauri sono stati portati alla luce da un team di paleontologi dell’Università di Washington e del Burke Museum of Natural History and Culture. Il ritrovamento è avvenuto in una zona del Montana nord-orientale. Tre dei quattro fossili ritrovati saranno portati al suddetto museo dove gli stessi paleontologi effettueranno le prime operazioni di disincrostazione della roccia per la preparazione alle analisi.
I resti ritrovati appartengono a quattro esemplari:
Il ritrovamento è stato effettuato nella formazione Hell Creek, un sito che risale all’ultimo periodo del cretaceo, tra 66 e 68 milioni di anni fa.
Per il momento si è deciso di far restare i resti fossili del triceratopo sul sito (mentre i resti di altri tre esemplari saranno portati al Burke Museum) in quanto si pensa che ulteriori resti di questo esemplare probabilmente saranno trovati effettuando scavi più profondi nello stesso punto. I ricercatori prevedono di terminare gli scavi nell’estate del 2022.
I ricercatori credono di aver trovato, fino ad ora, circa il 30% dei resti del cranio del triceratopo, denominato dagli stessi ricercatori “Flyby Trike” per ricordare il nome dell’allevatore che per primo ha identificato i resti mentre sorvolava il suo ranch con un aeroplano.
Tra i resti del cranio del triceratopo ritrovati dai ricercatori ci sono resti delle ossa del corno, della mascella inferiore, di alcuni denti e del condilo occipitale, una protuberanza dell’osso occipitale.
Secondo i ricercatori il triceratopo è probabilmente morto in una pianura alluvionale e i resti si sono poi mescolati con il terreno e con il fango venendo spostati dalle alluvioni (o da un sistema fluviale). I resti, infatti, sono stati trovati sparsi tra il fango indurito con le ossa fossilizzatesi in posti diversi, differentemente da come avviene quando un corpo o parte di esso si fossilizza senza subire spostamenti di natura alluvionale o geologica (in questo caso le ossa di solito sono disposte in maniera più ordinata e più aderente alla struttura del corpo stesso).
Secondo quanto spiega Kelsie Abrams, una paleontologa del Burke Museum che ha partecipato anche gli scavi, gli “epi occipitali”, un sistema di ossa triangolare che si trova nella zona del collo, del triceratopo sembrano essersi completamente fuse e sono pressoché irriconoscibili se paragonate allo stesso sistema triangolare osseo degli altri trincerato conservatisi meglio.
Inoltre i ricercatori hanno notato che il corno di questo triceratopo è curvato verso il basso e non verso l’alto, caratteristica che, secondo gli stessi ricercatori, indica che si trattava di un membro anziano.
Oltre ai resti del dinosauro, i ricercatori hanno provato anche resti fossili di alcune piante, resti che si riveleranno utili per capire l’ambiente in cui questi esemplari vivevano.

Pubblicazione: 25/09/2021
Una nuova specie di airone vissuto circa 5 milioni di anni fa nelle zone dell’odierna Florida è [leggi tutto]
Un nuovo dinosauro adrosauro vissuto nel tardo cretaceo è stato classificato da un gruppo di ricercatori giapponesi. [leggi tutto]
La dickinsonia torna alla ribalta. Parliamo di un organismo fossile abbastanza misterioso che potrebbe essere il più [leggi tutto]
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Questo sito usa i cookie per migliorare l’esperienza sul sito (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Questo sito utilizza cookie. Se lo consulti, ne accetti l’utilizzo. (più informazioni)
Usiamo i cookie per migliorare l’esperienza sul sito
I cookie strettamente necessari dovrebbero essere sempre attivati per poter salvare le tue preferenze per le impostazioni dei cookie.
Se disabiliti questo cookie, non saremo in grado di salvare le tue preferenze. Ciò significa che ogni volta che visiti questo sito web dovrai abilitare o disabilitare nuovamente i cookie.
Maggiori informazioni

source

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*